FALCO EMIGRANTE…NIBBIO STANZIALE

<<L’emigrante è colui che lo è sempre, diviso perennemente tra Ritorno e Partenza>>  [G.C.]

Vogliamo omaggiare, questa volta, un “Falco”…anche se noi abbiamo adottato un nibbio, sempre della stessa Famiglia fanno parte. Un Falco che è volato in America, ma che torna sempre in questi luoghi di RiPiaNibbi perchè ama profondamente questi posti, la sua gente, lo stile di vita semplice ed autentico. Lo omaggiamo anche per tutti quelli, come lui, emigrati e sparsi in tutto il mondo che hanno nostalgia dei paesi di origine, del nostro territorio. Spesso, a tutti loro, basta una semplice fotografia, un ricordo…per realizzare la magia della “Continuità”, del senso della vita e della Salvezza. Ora abbiamo potenti mezzi (come questo, per esempio) per cercare di sentirci più vicini anche se lontani. Lo facciamo con delle foto, sperando che “Il Falco” e voi tutti possiate gradire.

P.S.           Chi riconosce chi è “Il Falco” è pregato di farcelo sapere.

“Ora, ora soltanto per ogni ingiustizia subita                                                                                                               finalmente scopro la mia identità:                                                                                                                               sono la enorme folla italiana

  Sono il presente perchè sono il passato                                                                                                                       Di quanti per il loro futuro son giunti,                                                                                                                         umili ed innocenti eppure scacciati.

  Io sono il sogno del loro giorno eterno,                                                                                                                          il sogno sognato in miniere senza luce;                                                                                                                        io sono il loro buio e il loro raggio supremo,

   il loro silenzio e la lor voce: parlo e scrivo                                                                                                                    perchè loro sognarono ch’io scrivessi e parlassi                                                                                                          della lor morte in nessun registro notata

  O gloria! Sono il pane ch’essi vennero a cercare.                                                                                                        Il tralcio piantato per la loro unica estasi,                                                                                                                    il loro più solenne picco duraturo.

  A questa mia vita ha fatto ampio largo la lor morte.”

                                              [Joseph Tusiani]

Now, only now for every suffered wrong                                                                                                                   do I discover who I am at last –                                                                                                                                   the multitudinous Italian throng.

I am the present for I am the past                                                                                                                                of those who for their future came to stay,                                                                                                                humble and innocent and yet outcast.

I am the dream of their eternal day –                                                                                                                         the dream they dreamed in mines bereft of light –                                                                                                   I am their darkness and their only ray,

their silence and their voice: I speak and write                                                                                                         because they dreamed that I would write and speak                                                                                               about their unrecorded death and night

O glory! I’m the bread they came to seek,                                                                                                                 the vine they planted to outvanquish doom,                                                                                                             their most majestic and enduring peak.

For this my life their death made ample room.

 

By | 2015-11-01T16:40:07+00:00 sabato, 31 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments

La Pompa

Oggi qualcosa di faceto!…ma che faceto!…che faceto!!

C’era una volta…a RiPiaNibbi…

Pompa o non Pompa

Pompa o non Pompa

…e ora c’è ancora, solo che non pompa più!

Ingrandite la foto, zummate sul prezzo in cui si è fermato: chi riesce a dire da che anno non ha pompato più nessuno a RiPiaNibbi, vince un bel premio a sorpresa!

<< Chi té ferre fè chiuove >>

“Quende scì’ncudene…sctatte, quende scì martelle…vatte”

By | 2017-08-09T14:06:43+00:00 venerdì, 30 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments

LA MASCARATA 2016

La Mascarata, tipico del territorio RiPiaNibbiese e circondario, è una rappresentazione in “Maschera” (Costumi e travestimenti) con attori rigorosamente maschi che interpretano anche parti femminili.

E’ una recitazione farsesca di storie inventate, in cui si innestano casuali, o meglio fortuiti, riferimenti a fatti e avvenimenti della comunità stessa, che la inscena.

Per circa venti anni interrotta, questa singolare tradizione, spinta e sostenuta anche dal nuovo/Blog “RiPiaNibbi”, riacquista linfa vitale e pulsante nelle vene di alcuni giovani e meno giovani, nostalgici e amanti delle Continuità nelle tradizioni popolari.

Il Canovaccio di base, ove anche l’improvvisazione gioca un ruolo fondamentale nell’esecuzione della rappresentazione, si compone di pochi ritornelli (cantati e accompagnati, sovente, da fisarmoniche e mandolini) molto cadenzati, che segnano a mò di rafforzativo le “entrate” di ogni attore con le proprie parti. Tipico è anche la commistione, quasi grottesca, tra uso della Lingua e del Dialetto locale meritevole, per certi aspetti, di studio a livello antropologico della socio-linguistica.

Le Rappresentazioni come quelle della “nostra” Mascarata, insieme a quelle della musica e della danza, esprimono la vera anima di un popolo.

<< La vita si capisce con la vita. la vita passata si comprende attraverso la vita presente: è l’esperienza presente a rendere attuali le esperienze del passato, a dare sangue alle ombre, a farle rivivere >>  [ Marc Bloch ]

“Ciò che siamo ha molte facce, ma queste facce non sono ciò che siamo”  [ Charlotte Joko Beck ]

By | 2015-10-29T20:40:18+00:00 giovedì, 29 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments

CicloCultura-Natura, Festa S.Antonio 2015

Quando lo sport e l’uso della bicicletta diventa fenomeno, alternativo, di cultura Naturistico-Paesaggistica di un territorio, e di convivialità festosa e religiosa”

La Commissione Feste di RiPiaNibbi, in occasione della festa dedicata a S. Antonio dell’8’settembre 2015, ha ideato e realizzato una passeggiata in bici aperta a tutti gli amatori del mezzo. Il percorso di circa 35 Km. si snoda, prevalentemente su fondi sterrati a contatto con la natura.

In sella, quindi, per scoprire i tanti volti delle contrade, lungo viottoli e strade locali, su tutto il territorio (Pianibbie, S. Eusanio, Ripitella, Ascigno, Fiorentini, Piano Carlino, Verratti, Nobili, Vizzarri, Piano delle Vigne), pensato per mostrare la zona collinare più autentica del Comune di Casoli (quella tutta intorno a RiPiaNibbi).

Il percorso, di diverso grado di difficoltà, si è adattato (pur mettendoli a discreta prova) sia ad un pubblico che ama pedalare tra pianure e colline sia al cicloamatore che è sempre alla ricerca di nuovi tracciati per sfide più impegnative.

<< Primo pomeriggio del 12-09-2015: raduno in piazza, tra chiesa, fontana e campo di calcetto, e partenza… L’arrivo, fatto singolare e non previsto, coincide con l’uscita della solenne Processione, riuscendo a creare un’incontro, una convergenza, un sodalizio di rara occasione, in cui tante nevralgiche attività (di cui si compone l’organizzazione di una Festa) confluiscono e si integrano nello stesso posto e nello stesso momento. Per questo, così come abbiamo “virgolettato” nel sottotitolo, si è riusciti a realizzare un connubio di: Sport, Svago, Pratica religiosa, Cultura dell’Ambiente e delle Tradizioni; il tutto in un afflato di preziosa convivialità e di simpatica tolleranza >>.

 

By | 2015-10-29T18:50:46+00:00 giovedì, 22 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments

LA NOSTRA LINGUA

 

Buongiorno a tutti e a RiPiaNibbi, oggi, “senza culure”
Bene, a questo punto, è ora di cominciare a parlare la nostra lingua “Il dialetto casolano”, la nostra prima forma espressiva, quella che recupera l’identità storica della comunità in cui viviamo e interagiamo, che con i suoi termini e la sua musicalità gratifica la passione di comunicare e di socializzare attraverso il dialetto.
Per fare ciò, dobbiamo ricordare, riuscire a conservare e costruirsi una memoria musicale dei termini e delle inflessioni. In altre parole recuperare e valorizzare “il parlato attivo” nei confronti di ciò che viviamo ogni giorno con gli altri, con chi vive insieme a noi il territorio di appartenenza.
un duplice impegno, inoltre, se vogliamo e dobbiamo ricordarlo anche a tutti i compaesani che vivono all’estero o fuori regione.
Insomma, parlando nel nostra lingua: c’ema capì accome sapeme parlè…e mannete! mannete! tutte quelle che sapete, ca’rcurdete e che ve vè ‘mmende (parole, pruvierbie, dette, ecc… che aecche se useve…e sa use!)
Per finire, piccola pillola del giorno, con foto.

DSC_3435-1024x678

<< Puhozza fè sctu monne e chell’atre, t’home calcule sembre pe quelle che, prime, sci sciate >>

By | 2017-08-09T14:06:43+00:00 martedì, 20 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments

BALLO IN PIAZZA S.REPARATA 2015 – VIDEO

 

Dopo la sfilata lungo il corso principale, parte l’asta dei prodotti tipici per ogni via e contrada del paese, mentre sul palco vengono eseguiti musica e balli tradizionali abruzzesi, come la “Raspa” una specie di “Salterella” (la Pizzica abruzzese) ma più grezza e cadenzata, dove la coppia effettua due figure ripetitive, una (tenendosi per le braccia ci si tira alternativamente ora la sinistra ora la destra e scalciando di contempo in sincrono le gambe), l’altra (si gira, sottobraccio ora in un verso ora nell’altro). È la danza dell’elogio della stanchezza, è una gara di resistenza, la musica non si ferma mai e aumenta gradualmente di velocità, fino a non riuscire quasi più a fare i movimenti. Fino allo stremo ma sempre ridendo senza darlo a vedere e più si è stanchi e più si sbatte i piedi per terra. È un “Rito” di gara di resistenza di coppia tra coppie.

VIDEO La

sfilata – Santa Reparata 2015 Casoli

 

Video e foto correlate:  “LE SALUTE A CASOLI”   http://lnx.ripianibbi.com/home/le-salute-a-casule/

By | 2017-08-09T14:06:43+00:00 domenica, 18 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments

COMUNICAZIONE/INVITO

Invitiamo tutti a ritrovare e spedire a:  www.ripianibbi.com   info@ripianibbi.com

o portarci di persona, al più presto: Foto e Filmati (Passato e Presente) che riguarda la nostra comunità (Ripitella, Pianibbie, Verratti, Piano Carlino, Piano delle Vigne, e poi ancora, Nuobbele, Cillitte, Frendine, Cocciatunne, Vizzierre, Colle barone, Minghe de Lice, ecc…).

Il messaggio è rivolto anche, e soprattutto, a tutti gli Italiani nel mondo (residenti all’estero)  e fuori regione che sono nati, vissuti, hanno ancora parenti o interessi in queste zone del comune di Casoli, e che amano ancora i luoghi di origine.

I migliori saluti a tutti.

Da sinistra Maria Talone con il figlio Odorisio Gilberto, Pastore tedesco nero "Tarzan" che ha prestato servizio per diversi anni nei Carabinieri, Odorisio Attilio e Rita di "Bari"

Da sinistra Maria Talone con il figlio Odorisio Gilberto, Pastore tedesco nero “Tarzan” che ha prestato servizio per diversi anni nei Carabinieri, Odorisio Attilio e Rita di “Bari”

Corona ai caduti 14 maggio festa patronale

Corona ai caduti 14 maggio festa patronale

Mietitura anni '70, presso "Colle Ciccio" Capuzzi Emilio, Odorisio Marianna e Travaglini Domenica

Mietitura anni ’70, presso “Colle Ciccio” Capuzzi Emilio, Odorisio Marianna e Travaglini Domenica

Mietitura con Capuzzi Angelo, Odorisio Marianna, Capuzzi Emilio e Travaglini Domenico presso "Colle Ciccio"

Mietitura con Capuzzi Angelo, Odorisio Marianna, Capuzzi Emilio e Travaglini Domenico presso “Colle Ciccio”

Tradizionale brodo della sposa, preparato dalle signore della contrada nel giorno delle nozze

Tradizionale brodo della sposa, preparato dalle signore della contrada nel giorno delle nozze

 

By | 2017-08-09T14:06:43+00:00 venerdì, 16 ottobre, 2015|Uncategorized|0 Comments