UNIVERSO INVERSO

Vi presentiamo in visione la seconda raccolta di foto, inviataci sempre dallo stesso appassionato di fotografia, di RiPiaNibbi:

PERSONALE FOTOGRAFICA

“MACRO-PARTI”

di

Pino Capuzzi

dsc_6495-copia

 

 dsc_6601                              dsc_6733

dsc_6602                                      dsc_6740

dsc_6738                                 dsc_6739

 dsc_6744              dsc_6748-copia

                       dsc_6748            dsc_6732

dsc_6749                 dsc_6751

dsc_6754

    dsc_6757-copia

 dsc_6755       dsc_6757

dsc_6760

dsc_6763

dsc_6781          dsc_6782

dsc_6786        dsc_6793

dsc_6795

dsc_6794

dsc_6856                    dsc_6859

dsc_6962

dsc_6975 dsc_6990

* Le foto sono tutte naturali, così come allo scatto, tranne  interventi di ritaglio .
By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 sabato, 12 novembre, 2016|Uncategorized|0 Comments

VISIONE MACRO

Un nostro concittadino di RiPiaNibbi ci ha mandato sul Blog una selezione di foto, accompagnata da presentazione. Riportiamo il tutto così come ricevuto:

La storia e l’evoluzione dell’uomo è contraddistinta dalla curiosità di sapere, dalla ricerca, dalla scoperta.

Questo nel passato ha fatto sì che egli volgesse il suo sguardo verso gli immensi spazi esterni, verso l’universo, oltre la propria delimitata dimensione personale.

Ad un certo punto, però, dopo aver acquisito questi saperi, si rende conto che oltre all’intelligenza, alla razionalità e alla metodologia di indagine scientifica, deve confrontarsi con aspetti e sensazioni che hanno a che fare con il suo essere, in quanto individuo. Scopre allora, che ogni singola persona umana ha spazi e profondità altrettanto immense e mai esplorate; che tutta l’intelligenza e le conoscenze che ha acquisito, per capire le emozioni che prova, poco gli serviranno. l’emozione, infatti, non può essere osservata, interpretata e spiegata, come si fa con qualsiasi altro elemento al di fuori dell’essere umano, l’emozione si può solo sentire. Sa, anche, che non può far niente senza passione, senza emozionarsi nel fare qualsiasi cosa.

Cosa fa allora? Prende il “Telescopio”, con cui prima guardava le immensità altre, e lo rivolge verso di sé, verso l’infinito SE.

Alla luce di ciò io, appassionato di fotografia, ho voluto girare il “Tele” e aprire in “Macro”, per fotografare l’universo uomo: le sue profondità e i particolari, anche più piccoli, dell’ambiente in cui vive, perché anche gli elementi naturali che fanno parte del suo habitat: flora, fauna e oggetti vari, entrano a far parte nell’unicità della sua esperienza emozionale.

Propongo, pertanto, alla vostra visione una raccolta Macro-Fotografica dell’habitat umano. (In un prossimo incontro vi proporrò una raccolta “Macro” di particolari, propri, della persona).

Le foto sono tutte naturali, così come allo scatto, tranne qualche intervento di ritaglio su alcune di esse.

PERSONALE FOTOGRAFICA

“UNIVERSO INVERSO

di

Pino Capuzzi

dsc_0917

GC orchidea alla finestra

dsc_0923

GC rete floreale

dsc_1987

GC adolescenza felina

dsc_2310

GC coperta floreale

dsc_2321

GC pelle dura

dsc_2337

GC fantasia animale

dsc_2343

GC snow cat

dsc_2368

GC floroferroso

dsc_2431

GC anemone terrestre

dsc_2444

GC biancore

dsc_2500

GC narciso

dsc_6513

GC farfiore

dsc_6517

GC scromata

dsc_6553

GC backstage

dsc_6568

GC fornicalegno

dsc_6586

GC fotogenia

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 giovedì, 3 novembre, 2016|Uncategorized|0 Comments