ARTE

“Per sfuggire al mondo non c’è niente di più sicuro dell’arte e niente è meglio dell’arte per tenersi in contatto con il mondo.”

[Johann Wolfgang Goethe]

paul-gaugoin-la-donna-in-quanto-generatrice-della-vita-e-portatrice-di-valori-positivi

L’arte, nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana – svolta singolarmente o collettivamente – che porta a forme di creatività e di espressione estetica, poggiando su accorgimenti tecnici, abilità innate o acquisite e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza.

l’arte è un prodotto dell’uomo per l’uomo.

“La bellezza non può salvarsi se non in forza di quella che chiamiamo bruttezza, che sorprende, sconcerta, suscita angoscia e per alcuni godimento”.

L’arte è prodotta da tutti gli individui che si sentono stimolati a questo tipo di produzione: la casalinga che prepara la tavola per un pranzo festivo, colui che cura il giardino
In altre parole l’arte è sia il bello che il brutto, e la fanno tutti in tutte le attività umane. Ma l’arte può anche influenzare il comportamento sociale, perchè fornisce modelli e simboli che rappresentano lo stile dell’epoca.

RiPiaNibbi e i suoi abitanti è intrisa di Arte, perché rappresenta se stessa.

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 lunedì, 20 marzo, 2017|Uncategorized|0 Comments
Read More

la Mascarata 2017… non conclude

« Il dilemma della Mascarata non è “Essere o non essere” ma “Dire o non dire”, perché: se “dice e nen dice” puòche le capisce; se “Dice” cacchedùne se la pije »

Sul significato, tradizione e satira della mascarata  abbiamo già ampiamente parlato nel precedente articolo di apertura. Per tutti quelli che non hanno visto le nostre esibizioni, colto tutti i particolari o comunque si sono persi qualcosa, vogliamo semplicemente, sperando di fare cosa gradita, riproporre e illustrare i contenuti:atti, misfatti, frizzi e lazzi di questa particolare opera di Commedia popolare dell’arte. Con particolare dedica ai nostri estimatori sparsi per il mondo, a tutti i paesani, appassionati, simpatizzanti, nostalgici della comunità e della cultura che ci contraddistingue.
Cominciamo con il presentarvi: autori, interpreti e personaggi, regia, fotografia, organizzazione, gestione, adattamento, comunicazione, grafica pubblicitaria, sostegni logistici e collaborazioni.
  • Autore della Storia: Pietro Vizzarri;
  • Autore della Satira/Sfottò e regia, pubblicista, organizzazioni, relazioni sociali, attore: Giuseppe Capuzzi (nella parte di Presentatore);
  • Elaborazione grafica e Comunicazione, attore: Nicolas Fiore (nella parte di Madre di famiglia);
  • Organizzazione, riprese video, attore: Luigi Vizzarri (nella parte dell’Avvocatessa Tiracannelli);
  • Adattamento della storia: Emilio Capuzzi, Luigi Vizzarri, Giuseppe Capuzzi;
  • Fotografia: Manuela Travaglini;
  • Attore: Pieragostino Travaglini (nella parte di Padre di famiglia);
  • Attore: Mauro Di Iorio (nella parte di Figlia Santina);
  • Attore: Francesco Verratti (nella parte di Figlia Isabella);
  • Attore: Antonello De Luca (nella parte di Ragazzo di Santina Riccardo);
  • Attore: Adelio Carideo (nella parte di Pulcinella);
  • Attore: Vincenzo Talone (nella parte del Prof. Cagliostro amante di Santina);
  • Attore: Falco Travaglini (nella parte del Giudice Mocipensoio);
  • Attore: Nico Civitella (nella parte dell’Avvocato Cummenda);
  • Attore: Lorenzo Mancini (nella parte dell’Avvocato Bracalone);
  • Attore: Alessandro Verratti (nella parte dell’Avvocatessa Allisciapelo);
  • Attore: Nicola Imbastaro (nella parte del Ginecologo Fija Fije);
  • Attore: Luca Pettinari (nella parte del Prete Don Luca);
  • Attore: Mario Verratti (nella parte dell’Infermiere/ostetrico);
  • Attore: Pierluigi Di Bartolomeo (nella parte del Carabiniere/Appuntato);
  • Attore: Germano Lannutti (nella parte del Carabiniere/Maresciallo);
  • Suonatore: Donato Travaglini.
Tutti gli interpreti hanno collaborato alla messa in scena della rappresentazione.
Hanno collaborato: Il Circolo ricreativo “Libertas” di Pianibbie; Gianna Candeloro; le Contrade di (Verratti, Laroma, Guarenna, Pianibbie, Casoli Paese); L’Amministrazione comunale di Casoli.
COMINCIA COSÌ
Buona sera bella gente, /tra na risate e nu cumplemènde /ecch’è  ‘rrevate carnevale, /festegge pure chi ste male.
Quend’arrive sta iurnète /a ‘rcumijàte  giè l’annete /sa ‘rsvùsceche tutte la vite, /ugne quande stè ‘vvelite.
SATIRA/SFOTTÒ
Nù seme meschere burlone, de na sucietè serie e cundegnose. Ma pe sdrammatezzè hema dire cacche mattetè, eppoje se sé! “La Meschere” ammisteche buscìe e veretè.
VERRATTI:
A la Mascarata 2016, Verratte, tènde l’homa avandiéte, ma a la Passeggiate de primavere n’hà partecipate; strada facende se’rchiappàte, pecchè lu Cumblemende ha preparate.
LAROMA
Larome, st’enne, nà ‘bbrillate tende, a lu Cumune ha perse nu presidende e a la Feste n’ètre ha’rcunfermète. ‘Nzìsta, ‘nzìsta ghe la liva ‘ndòsse, ca vò fè nu merchie DOP! Nà capite ca la moschele ja’rcàpe la scorce e se megne pure lu nocce. Sa’rtrove, accuscì, a prutegge sole nu mèrchie, de n’uòje o fraceche o avvelenète! Se salviéte però ghe na squadre de giuvene affiatàte, che a le jiuòche senza cunfine ha vengiùte quase tutte le sfide; accuscì a lu 2016 è state la prima squadre a venge lu turnèe.
CASELE
Home dice!.. ca Casele “stè sembre a la finestre”… a critechè. Ce stè pure La Logge che Parle, ma quelle è n’etra cosa ‘pparte, e perciò pe ‘mmò sé salvate. Ma mò Casele stè cagnè e a le cundrade se stè ‘vvicenè, pure pecchè lu Paese se stè frantumè. L’henne passate l’heme ditte nù di ìje pure a Casele, e l’Amministrazione ha’rsposte subbete cundende… ma aspettete sole nu mumende! che a Don Gennere addummannéme! È Quareseme!.. nà’vessème arcevere na scumuneche dall’Arcipréte! ‘Nfatte fù! Cià date lu vete, pecchè ‘nvadavéme la Quareseme, e la “Cummedie” disturbe la Prejiére. Ma nù né uffendéme “deijune e pendemende”, nù arcundeme sole fatarielle de la ‘ggende, a lu ‘cchiù cia’ccundendeme de nu semblece cumblemènde. Stenne la Feste è state grende! na sfelate a le Salute, immense!. Ste ‘ggiuvene casulene è ‘rscite a fè spusè lu sacre a lu prufène, ugnune suddesfatte e cundende pe lu ‘bbéne de tutta la ‘ggende. L’Amministrazione cumunale, poije, st’enne cià pulìte! Tra vutazione, asfalte e manutenzione, a lu Corse de Casele st’estate, nen zé vedeve menghe na moschele! Forse perciò cia’rmesse dù live addò steve la ‘bbenzine!
STAZIONE
La Stazione de Casele sa sembre vulute sviluppè e lu premete cummerciale a lu paese a’rfreghè, ma ce scite sole nu quadrènde. Se nen fusce pe Eurospin giè s’avésse accattàte tutte le cinìse, che mò ha messe pure nu risturènde, ma a magnè menghe isse ce vè! Ce stè la crisi! nesciùne fè le fije! ha chiuse pure Capuzzìne, pecché  nen ge stè ‘cchiu le bambine! Sole Agripiù tire a fè caccose de ‘cchiù, e ‘ccuscì: vénne, vénne! Ma lu persunele ne la’umènde…e ‘ngiè! Ca mò ce stè le pinziunète, e se vò cambè ha dà cundenuè a fatejè! La Stazione è però ‘mburtènde, se vuò jìe a Casele o cacche altra vènne, cià da passè ‘mmezze. Na vote teneve pure lu trene che culleghéve; mo però tè: Pompe de ‘bbenzine, Acque e sapone, Scuolabbus e Revisione. Forse vuleve quadrè lu cerchie, ma sole nu trièngule ‘mmène jé ‘rmèste!
GUARENNA
Guarenne, ‘nmezze a quattre strade la Nòve da la viécchie sparte; le Meruòcele sembre allòche e la Ròsce nen ze sé ‘ddò! Ghé poca tradizione, tra na coste e nu fiume, po’ vandè sole l’arrìgazione. L’estate scorse, a le juòche senza cunfìne, ghe na squadre de ‘ggiùvene agguerrìte se ‘ddestinte a la prove de fatìche!.. ghe nu colpe de rìne, a lu tire a la fùne, sa teràte pure Larome ghe tutte le ‘cchiù fuòrte cambiùne. De le biciclette e dell’Oasi de Serranèlle se  fè vente, ma ha’dà cummètte ghe Altine e Sènde Sègne! Certe, Guarenne, se sviluppate: tra bistecche de vitelle e salème de maiale, a poca distenze une fè cacche Kilometre e l’atre zere! Ma arfurnisce la cuntrade e nu poche tutte lu paese! A la Guarenne aumende Bar e Tratturìe, ma la ‘ggende sembre ‘nmezze a na vìje stè!
ASCIGNO
St’ènne Ascìgne lu spare pure l’ha fatte, ma na parte l’ha sparagnete pe le terremutate, e jì’lé ‘jìte a purtè proprie ‘mméne. A le giuòche senza cunfine le cambiùne de ascìgne, le ‘cchiù fuòrte!.. ma poche abbituijéte a la fatiche, ce l’ha messe tutte, ma a lu tire a la fune ha perdute. Pure d’Ascìgne ha vulute na piazze, sole can nen dè nu piène regulatore adatte, l’ha fatte, allòre, sotte a na fràtte… e chi ce càla alloca ’bbàlle?
PIANIBBIE:
Pianibbie: na scole come circule; pe pubbleca piazze na’ereoporte; na ‘cchiese come parrocchie; ‘cchiù case abbanduniéte che abbetiéte… nen dé nu ‘bbarraccone pe fè cacche rappresendazione (d’inverne, quende fore piove e fere lu vende). La nuvetè è che stenne ha cumejàte le jiuòche senza cunfine e Pianibbie nà ‘zzeccate le jòlle, sé pure avvelenète de peparole cucènde e nà servute a niende. Uènne è state, purtroppe, pure l’henne de dunazione e beneficienze. Ogni feste e ogne sagre ha fatte a gare, a dunè a le terrémotàte. La Parròcchie, che è parte de sta cumunetè, sembre ca nà dunète; la radio fanta(voci di popolo) dice ca esse le solde le tè, e pure naprìse, ma
[In questa comunità è passato il concetto che: la sfera della società civile può e deve contribuire economicamente e finanziariamente al mantenimento/arricchimento di quella ecclesiastica, ma non viceversa. Dal concordato stato-Chiesa, invece, si evince che la sovranità di ciascuna sfera debba essere rispettata, valorizzata e salvaguardata (come pure criticata quando è necessario) dalle altre sfere. Questo non esclude però, anzi esige, che ogni sfera si rapporti, dialoghi, si coordini (in modo paritetico) con le altre dando il proprio contributo alla vita dell’intero insieme sociale.] nà fatte dunazione e nen dè nesciùne cuntrebbùte a la porprie cumunetè; eppure lu Circule la use, pe fè catechisme a le uajùne, pe farce la messe quende argiuste la chiese, ecc… Ha penzate però, de fè restàure e vò ‘ccattè lucale, senza che nesciùne ha cunzultate … pe vedé, se a la cumunetè serve caccòse de ‘cchiù ‘mburtènde. A Pianibbie è preste spiegate la mahègne: chi cummènne lu sacre cummènne pure lu prufène, e perciò decide pe tutte quende, quelle che ‘bbone e quelle che ‘mmalamende, senza rendecònde e senza che la gente sé mèje niènde. A Pianibbie comùngue, ‘nniènzetutte, serve nu Cuperte. Ma Pianibbie è l’uneca contrada ca tenute lu Sindeche a lu Paese, e pe dù amministrazione; addò la ‘ggende tè lu fermende vive; viecchie e giuvene ste ‘ngumbagnìe; è piéne d’eniziative; se criteche ma nenze la pije!  Eppoi… tè nu BLOG a lu SÌTE de RiPiaNibbi, che arcònde storie a chi né la viste!
STORIA
Una famiglia di ricchi contadini hanno due belle figlie femmine : una è un pò zoccola, di nome Santina, ( vuole diventare dottoressa) l’altra seria, di nome Isabella (che desidera diventare avvocatessa). L’aspirante dottoressa Santina (di facili costumi) rimane presto incinta con  il suo ragazzo, Riccardo, che è  povero e per giunta sfaticato. Essa, però, se la fa anche con il suo professore ( Cagliostro) di Geografia. Santina cita in giudizio il suo professore affinché riconosca il bambino e sperando così di fare una vita comoda. Intervengono vari avvocati in difesa: di Riccardo ( Avvocato Bracalone), del Professore ( Avvocatessa Tiracannelli e Avvocatessa Allisciapelo) e  di Santina ( Avvocato Cummenda). Esce la sentenza un pò strana ( il Professore non c’entra niente, ma deve cedere la casa a Santina), il povero Riccardo non può più vedere il figlio che è affidato a Santina. Durante il processo, però, succede che Santina deve partorire d’urgenza. Così l’aula di tribunale, per necessità, si trasforma in sala parto (Intervengono i carabinieri: e li presento), i carabinieri chiamano un Dottore/ ginecologo con il suo Infermiere/ostetrico (poi esce una sorpresa: interpretata dal più giovane attore della compagnia). L’Avvocato Bracalone intanto, nell’occasione del processo, si innamora di Santina e la sposa. La famiglia diventa allargata, con loro va a vivere anche Riccardo.
OGGETTO DEL DIBATTITO
Qui è il concetto stesso di famiglia in discussione. Qua stiamo a parlare de la Famiglia!: quella sana, quella seria, quella bella. Quelle che pure a la miserie, trove lu senze pe ‘ijì ‘nnènze, aunìte e affiatiéte, come parti della stessa barca! Certe, quelle de na vote nan’è ‘cchiù ‘bbone! Pecché la femmene ere troppe sottomesse e poche o niende jere permesse. Mò però lu fatte… s’è ‘rcappellàte! De mane ha sburrate!. La femmene, oggi, nen fatije ‘cchiù pe curreje la famije e fè le fije, pecchè perde tembe e sa’rruvìne lu fìseche! Heeeh! Vò ‘pparì belle, e nen zò fè manghè niende e, perciò, ho fatejè sole pe fè carriére. Lu marite poi, lasséme stè, nen cummènne menghe sotte a nu pete de fichure! Sa’rtrove spaesate pure d’entra la case. Ugnune fè ‘ccoccia sé, senza na guida cunzijàte la famije s’è sciàurate, è na piènde ca perse la sumende. E perciò, annienze a lu Giudece apréme stu Debbattemende.
La vite e la sucietè presente, /ogni tente chegne vente, /la famije s’è sfasciate, /lu rispette se n’è andate.
Queste è na famije allargate, /povera a mè che ci so capitate, / stu pinsè muderne… è antiche /prime la cuocchie e poi la mijche.
LA MORALE DELLA STORIA

nen ge stè ‘cchiù la Famìje…de na vote!

 FINISCE COSÌ
Saluteme lu carnevale, /chi ci vò bene e chi ce vò male, /Buona sere a tutta sta gente, /che cià’scutate  attentamente.

« Dare uno stile interpretativo ad una Commedia popolare carnevalesca, come la Mascarata di RiPiaNibbi, significa: immaginare ogni gesto e ogni parola, dargli Forma mutevole, modulare i Suoni; fondere dramma e ironia con caricatura farsesca; far coincidere realtà e immaginazione. Rendere un’immagine reale, reale immaginazione!»

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 martedì, 7 marzo, 2017|Uncategorized|0 Comments