la Mascarata 2017… non conclude

« Il dilemma della Mascarata non è “Essere o non essere” ma “Dire o non dire”, perché: se “dice e nen dice” puòche le capisce; se “Dice” cacchedùne se la pije »

Sul significato, tradizione e satira della mascarata  abbiamo già ampiamente parlato nel precedente articolo di apertura. Per tutti quelli che non hanno visto le nostre esibizioni, colto tutti i particolari o comunque si sono persi qualcosa, vogliamo semplicemente, sperando di fare cosa gradita, riproporre e illustrare i contenuti:atti, misfatti, frizzi e lazzi di questa particolare opera di Commedia popolare dell’arte. Con particolare dedica ai nostri estimatori sparsi per il mondo, a tutti i paesani, appassionati, simpatizzanti, nostalgici della comunità e della cultura che ci contraddistingue.
Cominciamo con il presentarvi: autori, interpreti e personaggi, regia, fotografia, organizzazione, gestione, adattamento, comunicazione, grafica pubblicitaria, sostegni logistici e collaborazioni.
  • Autore della Storia: Pietro Vizzarri;
  • Autore della Satira/Sfottò e regia, pubblicista, organizzazioni, relazioni sociali, attore: Giuseppe Capuzzi (nella parte di Presentatore);
  • Elaborazione grafica e Comunicazione, attore: Nicolas Fiore (nella parte di Madre di famiglia);
  • Organizzazione, riprese video, attore: Luigi Vizzarri (nella parte dell’Avvocatessa Tiracannelli);
  • Adattamento della storia: Emilio Capuzzi, Luigi Vizzarri, Giuseppe Capuzzi;
  • Fotografia: Manuela Travaglini;
  • Attore: Pieragostino Travaglini (nella parte di Padre di famiglia);
  • Attore: Mauro Di Iorio (nella parte di Figlia Santina);
  • Attore: Francesco Verratti (nella parte di Figlia Isabella);
  • Attore: Antonello De Luca (nella parte di Ragazzo di Santina Riccardo);
  • Attore: Adelio Carideo (nella parte di Pulcinella);
  • Attore: Vincenzo Talone (nella parte del Prof. Cagliostro amante di Santina);
  • Attore: Falco Travaglini (nella parte del Giudice Mocipensoio);
  • Attore: Nico Civitella (nella parte dell’Avvocato Cummenda);
  • Attore: Lorenzo Mancini (nella parte dell’Avvocato Bracalone);
  • Attore: Alessandro Verratti (nella parte dell’Avvocatessa Allisciapelo);
  • Attore: Nicola Imbastaro (nella parte del Ginecologo Fija Fije);
  • Attore: Luca Pettinari (nella parte del Prete Don Luca);
  • Attore: Mario Verratti (nella parte dell’Infermiere/ostetrico);
  • Attore: Pierluigi Di Bartolomeo (nella parte del Carabiniere/Appuntato);
  • Attore: Germano Lannutti (nella parte del Carabiniere/Maresciallo);
  • Suonatore: Donato Travaglini.
Tutti gli interpreti hanno collaborato alla messa in scena della rappresentazione.
Hanno collaborato: Il Circolo ricreativo “Libertas” di Pianibbie; Gianna Candeloro; le Contrade di (Verratti, Laroma, Guarenna, Pianibbie, Casoli Paese); L’Amministrazione comunale di Casoli.
COMINCIA COSÌ
Buona sera bella gente, /tra na risate e nu cumplemènde /ecch’è  ‘rrevate carnevale, /festegge pure chi ste male.
Quend’arrive sta iurnète /a ‘rcumijàte  giè l’annete /sa ‘rsvùsceche tutte la vite, /ugne quande stè ‘vvelite.
SATIRA/SFOTTÒ
Nù seme meschere burlone, de na sucietè serie e cundegnose. Ma pe sdrammatezzè hema dire cacche mattetè, eppoje se sé! “La Meschere” ammisteche buscìe e veretè.
VERRATTI:
A la Mascarata 2016, Verratte, tènde l’homa avandiéte, ma a la Passeggiate de primavere n’hà partecipate; strada facende se’rchiappàte, pecchè lu Cumblemende ha preparate.
LAROMA
Larome, st’enne, nà ‘bbrillate tende, a lu Cumune ha perse nu presidende e a la Feste n’ètre ha’rcunfermète. ‘Nzìsta, ‘nzìsta ghe la liva ‘ndòsse, ca vò fè nu merchie DOP! Nà capite ca la moschele ja’rcàpe la scorce e se megne pure lu nocce. Sa’rtrove, accuscì, a prutegge sole nu mèrchie, de n’uòje o fraceche o avvelenète! Se salviéte però ghe na squadre de giuvene affiatàte, che a le jiuòche senza cunfine ha vengiùte quase tutte le sfide; accuscì a lu 2016 è state la prima squadre a venge lu turnèe.
CASELE
Home dice!.. ca Casele “stè sembre a la finestre”… a critechè. Ce stè pure La Logge che Parle, ma quelle è n’etra cosa ‘pparte, e perciò pe ‘mmò sé salvate. Ma mò Casele stè cagnè e a le cundrade se stè ‘vvicenè, pure pecchè lu Paese se stè frantumè. L’henne passate l’heme ditte nù di ìje pure a Casele, e l’Amministrazione ha’rsposte subbete cundende… ma aspettete sole nu mumende! che a Don Gennere addummannéme! È Quareseme!.. nà’vessème arcevere na scumuneche dall’Arcipréte! ‘Nfatte fù! Cià date lu vete, pecchè ‘nvadavéme la Quareseme, e la “Cummedie” disturbe la Prejiére. Ma nù né uffendéme “deijune e pendemende”, nù arcundeme sole fatarielle de la ‘ggende, a lu ‘cchiù cia’ccundendeme de nu semblece cumblemènde. Stenne la Feste è state grende! na sfelate a le Salute, immense!. Ste ‘ggiuvene casulene è ‘rscite a fè spusè lu sacre a lu prufène, ugnune suddesfatte e cundende pe lu ‘bbéne de tutta la ‘ggende. L’Amministrazione cumunale, poije, st’enne cià pulìte! Tra vutazione, asfalte e manutenzione, a lu Corse de Casele st’estate, nen zé vedeve menghe na moschele! Forse perciò cia’rmesse dù live addò steve la ‘bbenzine!
STAZIONE
La Stazione de Casele sa sembre vulute sviluppè e lu premete cummerciale a lu paese a’rfreghè, ma ce scite sole nu quadrènde. Se nen fusce pe Eurospin giè s’avésse accattàte tutte le cinìse, che mò ha messe pure nu risturènde, ma a magnè menghe isse ce vè! Ce stè la crisi! nesciùne fè le fije! ha chiuse pure Capuzzìne, pecché  nen ge stè ‘cchiu le bambine! Sole Agripiù tire a fè caccose de ‘cchiù, e ‘ccuscì: vénne, vénne! Ma lu persunele ne la’umènde…e ‘ngiè! Ca mò ce stè le pinziunète, e se vò cambè ha dà cundenuè a fatejè! La Stazione è però ‘mburtènde, se vuò jìe a Casele o cacche altra vènne, cià da passè ‘mmezze. Na vote teneve pure lu trene che culleghéve; mo però tè: Pompe de ‘bbenzine, Acque e sapone, Scuolabbus e Revisione. Forse vuleve quadrè lu cerchie, ma sole nu trièngule ‘mmène jé ‘rmèste!
GUARENNA
Guarenne, ‘nmezze a quattre strade la Nòve da la viécchie sparte; le Meruòcele sembre allòche e la Ròsce nen ze sé ‘ddò! Ghé poca tradizione, tra na coste e nu fiume, po’ vandè sole l’arrìgazione. L’estate scorse, a le juòche senza cunfìne, ghe na squadre de ‘ggiùvene agguerrìte se ‘ddestinte a la prove de fatìche!.. ghe nu colpe de rìne, a lu tire a la fùne, sa teràte pure Larome ghe tutte le ‘cchiù fuòrte cambiùne. De le biciclette e dell’Oasi de Serranèlle se  fè vente, ma ha’dà cummètte ghe Altine e Sènde Sègne! Certe, Guarenne, se sviluppate: tra bistecche de vitelle e salème de maiale, a poca distenze une fè cacche Kilometre e l’atre zere! Ma arfurnisce la cuntrade e nu poche tutte lu paese! A la Guarenne aumende Bar e Tratturìe, ma la ‘ggende sembre ‘nmezze a na vìje stè!
ASCIGNO
St’ènne Ascìgne lu spare pure l’ha fatte, ma na parte l’ha sparagnete pe le terremutate, e jì’lé ‘jìte a purtè proprie ‘mméne. A le giuòche senza cunfine le cambiùne de ascìgne, le ‘cchiù fuòrte!.. ma poche abbituijéte a la fatiche, ce l’ha messe tutte, ma a lu tire a la fune ha perdute. Pure d’Ascìgne ha vulute na piazze, sole can nen dè nu piène regulatore adatte, l’ha fatte, allòre, sotte a na fràtte… e chi ce càla alloca ’bbàlle?
PIANIBBIE:
Pianibbie: na scole come circule; pe pubbleca piazze na’ereoporte; na ‘cchiese come parrocchie; ‘cchiù case abbanduniéte che abbetiéte… nen dé nu ‘bbarraccone pe fè cacche rappresendazione (d’inverne, quende fore piove e fere lu vende). La nuvetè è che stenne ha cumejàte le jiuòche senza cunfine e Pianibbie nà ‘zzeccate le jòlle, sé pure avvelenète de peparole cucènde e nà servute a niende. Uènne è state, purtroppe, pure l’henne de dunazione e beneficienze. Ogni feste e ogne sagre ha fatte a gare, a dunè a le terrémotàte. La Parròcchie, che è parte de sta cumunetè, sembre ca nà dunète; la radio fanta(voci di popolo) dice ca esse le solde le tè, e pure naprìse, ma
[In questa comunità è passato il concetto che: la sfera della società civile può e deve contribuire economicamente e finanziariamente al mantenimento/arricchimento di quella ecclesiastica, ma non viceversa. Dal concordato stato-Chiesa, invece, si evince che la sovranità di ciascuna sfera debba essere rispettata, valorizzata e salvaguardata (come pure criticata quando è necessario) dalle altre sfere. Questo non esclude però, anzi esige, che ogni sfera si rapporti, dialoghi, si coordini (in modo paritetico) con le altre dando il proprio contributo alla vita dell’intero insieme sociale.] nà fatte dunazione e nen dè nesciùne cuntrebbùte a la porprie cumunetè; eppure lu Circule la use, pe fè catechisme a le uajùne, pe farce la messe quende argiuste la chiese, ecc… Ha penzate però, de fè restàure e vò ‘ccattè lucale, senza che nesciùne ha cunzultate … pe vedé, se a la cumunetè serve caccòse de ‘cchiù ‘mburtènde. A Pianibbie è preste spiegate la mahègne: chi cummènne lu sacre cummènne pure lu prufène, e perciò decide pe tutte quende, quelle che ‘bbone e quelle che ‘mmalamende, senza rendecònde e senza che la gente sé mèje niènde. A Pianibbie comùngue, ‘nniènzetutte, serve nu Cuperte. Ma Pianibbie è l’uneca contrada ca tenute lu Sindeche a lu Paese, e pe dù amministrazione; addò la ‘ggende tè lu fermende vive; viecchie e giuvene ste ‘ngumbagnìe; è piéne d’eniziative; se criteche ma nenze la pije!  Eppoi… tè nu BLOG a lu SÌTE de RiPiaNibbi, che arcònde storie a chi né la viste!
STORIA
Una famiglia di ricchi contadini hanno due belle figlie femmine : una è un pò zoccola, di nome Santina, ( vuole diventare dottoressa) l’altra seria, di nome Isabella (che desidera diventare avvocatessa). L’aspirante dottoressa Santina (di facili costumi) rimane presto incinta con  il suo ragazzo, Riccardo, che è  povero e per giunta sfaticato. Essa, però, se la fa anche con il suo professore ( Cagliostro) di Geografia. Santina cita in giudizio il suo professore affinché riconosca il bambino e sperando così di fare una vita comoda. Intervengono vari avvocati in difesa: di Riccardo ( Avvocato Bracalone), del Professore ( Avvocatessa Tiracannelli e Avvocatessa Allisciapelo) e  di Santina ( Avvocato Cummenda). Esce la sentenza un pò strana ( il Professore non c’entra niente, ma deve cedere la casa a Santina), il povero Riccardo non può più vedere il figlio che è affidato a Santina. Durante il processo, però, succede che Santina deve partorire d’urgenza. Così l’aula di tribunale, per necessità, si trasforma in sala parto (Intervengono i carabinieri: e li presento), i carabinieri chiamano un Dottore/ ginecologo con il suo Infermiere/ostetrico (poi esce una sorpresa: interpretata dal più giovane attore della compagnia). L’Avvocato Bracalone intanto, nell’occasione del processo, si innamora di Santina e la sposa. La famiglia diventa allargata, con loro va a vivere anche Riccardo.
OGGETTO DEL DIBATTITO
Qui è il concetto stesso di famiglia in discussione. Qua stiamo a parlare de la Famiglia!: quella sana, quella seria, quella bella. Quelle che pure a la miserie, trove lu senze pe ‘ijì ‘nnènze, aunìte e affiatiéte, come parti della stessa barca! Certe, quelle de na vote nan’è ‘cchiù ‘bbone! Pecché la femmene ere troppe sottomesse e poche o niende jere permesse. Mò però lu fatte… s’è ‘rcappellàte! De mane ha sburrate!. La femmene, oggi, nen fatije ‘cchiù pe curreje la famije e fè le fije, pecchè perde tembe e sa’rruvìne lu fìseche! Heeeh! Vò ‘pparì belle, e nen zò fè manghè niende e, perciò, ho fatejè sole pe fè carriére. Lu marite poi, lasséme stè, nen cummènne menghe sotte a nu pete de fichure! Sa’rtrove spaesate pure d’entra la case. Ugnune fè ‘ccoccia sé, senza na guida cunzijàte la famije s’è sciàurate, è na piènde ca perse la sumende. E perciò, annienze a lu Giudece apréme stu Debbattemende.
La vite e la sucietè presente, /ogni tente chegne vente, /la famije s’è sfasciate, /lu rispette se n’è andate.
Queste è na famije allargate, /povera a mè che ci so capitate, / stu pinsè muderne… è antiche /prime la cuocchie e poi la mijche.
LA MORALE DELLA STORIA

nen ge stè ‘cchiù la Famìje…de na vote!

 FINISCE COSÌ
Saluteme lu carnevale, /chi ci vò bene e chi ce vò male, /Buona sere a tutta sta gente, /che cià’scutate  attentamente.

« Dare uno stile interpretativo ad una Commedia popolare carnevalesca, come la Mascarata di RiPiaNibbi, significa: immaginare ogni gesto e ogni parola, dargli Forma mutevole, modulare i Suoni; fondere dramma e ironia con caricatura farsesca; far coincidere realtà e immaginazione. Rendere un’immagine reale, reale immaginazione!»

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 martedì, 7 marzo, 2017|Uncategorized|0 Comments
Read More

MASCARATA 2017 sa’rcumije da la famije

«Lu sfuttò de na Mascarata de carnevale è na cosa ciambicòse: se dice e nen dice… puoche le capisce; se le dice… cacchedùne se la pije!»

La nostra Mascarata di carnevale è autentica e unica nel suo genere: La compagnia, formata esclusivamente da attori maschi, più che vere e proprie maschere utilizza travestimenti come abiti, parrucche, cappelli e trucco; ogni anno crea una storia di fantasia prendendo spunto da fatti di vita reale, e la trasforma in commedia popolare; utilizza un particolare Copione che si compone in gran parte di battute scritte e definite, per il resto di scene semi-improvvisate; alterna parti (tutte quartine rimate e ritmate) recitate e cantate, in quelle cantate le ultime duine vengono cantate da tutti i componenti; la musica è sempre la stessa, con un’entrata in coro che introduce la storia e un finale di ringraziamento al pubblico presente; la rappresentazione si svolge in strada o in luogo chiuso, attorniato dal pubblico su un unico piano, senza palchi o rialzi vari; ogni anno si dà un taglio tematico diverso alla storia, per esempio: Politica, Famiglia, ecc… da cui si ricava una morale, una sorta di metafora esistenziale da declamare al pubblico.

Da uno studio, da noi effettuato nel panorama storico, dei vari generi di Commedia emerge che la nostra “Mascarata” si inserisce nel filone della Commedia dell’arte, si contamina di Commedia ridicolosa, assume forma e potenza “Proto-teatrale” e si caratterizza in “Arte di Strada”. Riportiamo di seguito, a supporto della nostra tesi di ricerca, alcuni riferimenti bibliografici e stralci enciclopedici. Abbiamo, inoltre, inserito nell’articolo una sintesi di “Storia e Tradizione del Carnevale” e, cosa ben più importante e attuale, affrontato il concetto di “Satira”, la sua funzione, la sua forma di comunicazione e il “Diritto di satira” tutelata, come forse ben pochi sanno, dalla nostra Costituzione. (Buona lettura)

La Commedia Ridicolosa fu un genere teatrale diffuso in Italia dall’inizio del XVII secolo che nacque dalla diaspora dei comici dell’arte verso le corti europee e continuò fino alla fine del Settecento.
La cosiddetta commedia ridicolosa nasce all’inizio del XVII secolo in area romana, ma presto si diffonderà in tutta Italia. La Ridicolosa è parente stretta della Commedia dell’arte con la quale condivide i personaggi e la letteratura dialettale.
Già fin dalla metà del secolo precedente la commedia aveva scoperto la comicità dell’inserimento dei dialetti sulle scene, due nomi per tutti: Ruzante e Andrea Calmo inseriscono il dialetto veneto popolare nelle loro opere. Ma colui che più di ogni altro s’avvicinò a questo tipo di commedia fu il perugino Sforza Oddi. Questo commediografo fu il primo ad usare personaggi della Commedia dell’arte inserendoli come comprimari nelle sue commedie, ma già siamo intorno al 1590 e la commedia degli Zanni ha ormai da tempo soppiantato la commedia erudita del Teatro rinascimentale. La differenza tra le due tipologie di commedia è la continuità della Ridicolosa sul solco tracciato dalle commedie del primo Cinquecento, che a loro volta avevano usato la struttura del teatro romano di Plauto e Terenzio.
La Commedia dell’arte, al contrario aveva puntato sulla bravura dell’attore, sull’improvvisazione, e sui canovacci, non tenendo conto delle “regole” teatrali tramandateci dai grandi teorici dell’antichità come Aristotele e Orazio. Infatti una delle grosse differenze fra la Commedia Ridicolosa e quella dell’Arte è la presenza, nel primo caso, di autori e attori dilettanti, come nell’erudita e la loro rappresentazione in teatri accademici, fuori dalle rotte delle compagnie degli attori professionisti.
Giulio Caprin, uno fra i primi che isolò il genere della Commedia ridicolosa, ci spiega bene nel suo articolo, La Commedia “ridicolosa” nel secolo XVII come:

« …erano i letterati che, per influenza dell’ambiente,

venivano incontro ai comici [dell’arte] più

che i comici non pretendessero imporsi ai letterati »

(Rivista Teatrale italiana, 1907)

Ma è in strada che il mestiere di “Dar Commedia”, ritrova la sua originaria forza “prototeatrale”, assumendo caratteri assolutamente innovativi, attraverso quel processo di unificazione di circo clownesco e teatro, che va sotto il nome di “Arte di Strada“.
 IL CARNEVALE: ORIGINE E TRADIZIONE
Il carnevale è una delle feste più antiche e conosciute del mondo: questa tradizione si fa derivare dalle Dionisiache greche o dai Saturnali romani, antiche festività durante le quali cessavano di esistere divisioni di classi e obblighi sociali, per lasciare il posto ai festeggiamenti e al divertimento, spesso accompagnati da scherzi e beffe da parte del popolo verso le autorità e da rappresentazioni sceniche di tragedie e commedie. Secoli dopo queste prassi furono riprese proprio durante il carnevale1 . Il carnevale, così come lo si conosce oggi, nasceva come una festa medievale, il cui significato era molto profondo.
Dal punto di vista linguistico, il termine carnevale deriva dal latino carnem levare, ossia “eliminare la carne”. Quando la festività fu assorbita e adattata alla tradizione cristiana, iniziò ad indicare il banchetto che si svolgeva durante il Martedì Grasso, l’ultimo giorno di carnevale, prima dell’inizio del digiuno e dell’astinenza, tipici della Quaresima, sua diretta antagonista tra le festività religiose e statali.
La tradizione vuole che il più antico carnevale di cui si abbiano notizie certe sia quello di Venezia, le cui origini risalgono alla fine del XI secolo: un documento del Doge Vitale Falier de’ Doni, che porta la data del 1094, parlava per la prima volta di carnevale, riferendosi all’insieme dei divertimenti pubblici che l’oligarchia veneziana concedeva alla popolazione.
Dal carnevale di Venezia la tradizione si sparse in tutte le regioni d’Italia, ognuna con le proprie caratteristiche e peculiarità, ma sempre all’insegna del divertimento, della beffa e soprattutto del mascheramento – che vedeva la creazione delle maschere più strane da parte di quelle botteghe che si stavano specializzando in quel periodo – oltre che dell’annullamento di tutte le differenze sociali. Caratteristica principale del carnevale, sin dai tempi più antichi, era infatti l’anonimato. Era abitudine indossare costumi e maschere che coprissero il volto e che nascondessero così l’aspetto e, quindi, la provenienza da un determinato ceto sociale, permettendo spesso anche prese in giro e derisioni di chi era al potere. Il mascheramento, come già accennato, derivava da tradizioni greche e latine e contemplava diversi soggetti: dai mostri demoniaci agli spiriti della terra, dagli animali ai servi e ai padroni. Dalla seconda metà del Cinquecento, però, le maschere del carnevale subirono una contaminazione proveniente da quella che, solo a partire dal Settecento con Carlo Goldoni, fu definita “Commedia dell’Arte”.
La maschera di Pulcinella conosciuta per la sua scarsa intelligenza e la grande cocciutaggine e la pasta ed il vino, poichè il personaggio amava mangiare, soprattutto nei momenti di pericolo ed il cibo non indicava solo una fame fisiologica, ma anche psicologica. Dall’Ottocento in poi, infatti, Pulcinella non incarnò più solo il classico ghiottone, ma rappresentò la fame dei poveri della società, cioè del proletariato che lo aveva assurto a simbolo. Maschera irriverente che adattava se stesso alle situazioni e a chi aveva di fronte per creare burle e prendersi gioco del pubblico, com’era tipico dei clowns e dei buffoni di tutto il mondo.
DIRITTO DI SATIRA
La satira è una forma di comunicazione, dalle origini molto antiche, che mira alla critica del malcostume della politica e della società. Tale critica viene spesso realizzata con toni aspri ed impietosi per promuovere il cambiamento dell’attuale situazione. Secondo la Corte di Cassazione la satira è una forma artistica che mira all’ironia sino al sarcasmo, esercitato nei confronti del potere di qualsiasi natura. Tale forma di comunicazione rientra nel diritto di manifestazione del pensiero riconosciuto dalla Costituzione e gode della tutela riservata dal costituente alle espressioni artistiche e culturali.
FUNZIONE DELLA SATIRA
La satira, come strumento di denuncia del malcostume della società e della politica, può realizzare un controllo sociale. Infatti l’artista satirico, nella sua opera o nelle sue espressioni, nel criticare i potenti o la società, richiama valori etici condivisibili dalla collettività ed invita a far riflettere. Quest’arte, in ogni epoca, può rivelarsi scomoda ed essere esposta a ritorsioni e censure.
LEGITTIMITÀ DELLA SATIRA RELIGIOSA
Nel caso in cui la satira sia esercitata nei confronti della religione, bisogna valutare entro quali limiti sia legittimo esercitarla: infatti al pari del diritto alla libera manifestazione del pensiero, anche la libertà di religione è tutelata dalla Costituzione. Inoltre occorre operare una distinzione a seconda che la satira si rivolga ad un destinatario ben preciso oppure a simboli spirituali e religiosi. Nel primo caso, valgono le regole sopra enunciate valevoli per qualsiasi destinatario. Sono note parodie e vignette riguardanti membri illustri del clero e dello stesso Pontefice. La situazione si fa più complessa nel caso in cui ad essere presi di mira siano simboli religiosi o una confessione religiosa nella sua totalità. In tal caso va fatta una distinzione: se la satira scaturisce da un avvenimento attuale, e vi è quindi un interesse pubblico, sarà legittima. Al contrario, se la satira viene posta in essere al di fuori di qualsiasi contesto, solo al fine di gettare discredito su una confessione religiosa, può integrare un comportamento penalmente rilevante, in primis il reato di vilipendio a una confessione religiosa mediante il vilipendio di persone.

LA SATIRA E’ UN DIRITTO SOGGETTIVO TUTELATO DALL’ART. 21 DELLA COSTITUZIONE – Ha la funzione di esercitare, con l’ironia e il sarcasmo, un controllo nei confronti dei poteri di qualunque natura (Cassazione Sezione Terza Civile n. 23314 dell’8 novembre 2007, Pres. Nicastro, Rel. Durante).

 “LIBERA SATIRA IN LIBERO STATO”Il diritto di satira ha un fondamento complesso individuabile nella sua natura di creazione dello spirito, nella sua dimensione relazionale ossia di messaggio sociale, nella sua funzione di controllo esercitato con l’ironia ed il sarcasmo nei confronti dei poteri di qualunque natura. Comunque si esprima e, cioè, in forma scritta, orale, figurata, la satira costituisce una critica corrosiva e spesso impietosa basata su una rappresentazione che enfatizza e deforma la realtà per provocare il riso. Ne è espressione anche la caricatura e, cioè, la consapevole ed accentuata alterazione dei tratti somatici, morali e comportamentali di una persona realizzata con lo scritto, la narrazione, la rappresentazione scenica. La satira è espressione artistica nella misura in cui opera una rappresentazione simbolica che, in modo particolare la vignetta, propone quale metafora caricaturale. La peculiarità della satira, che si esprime con il paradosso e la metafora surreale, la sottrae al parametro della verità e la rende eterogenea rispetto alla cronaca; a differenza di questa che, avendo la finalità di fornire informazioni su fatti e persone, è soggetta al vaglio del riscontro storico, la satira assume i connotati dell’inverosimiglianza e dell’iperbole per destare il riso e sferzare il costume. Insomma, la satira è riproduzione ironica e non cronaca di un fatto; essa esprime un giudizio che necessariamente assume connotazioni soggettive ed opinabili, sottraendosi ad una dimostrazione di veridicità.La satira è configurabile come diritto soggettivo di rilevanza costituzionale; tale diritto rientra nell’ambito di applicazione dell’art. 21 Cost. che tutela la libertà dei messaggi del pensiero.
Definizione di satira
“La satira è la forma espressiva con la quale si mettono alla berlina i potenti. Ne enfatizza i difetti con sarcasmo, ironia, trasgressione e paradosso. Esagera i fatti, li racconta con toni surreali e usa metafore dissacranti. Paradossale e dissacratorio è il linguaggio. A volte parte da fatti di cronaca e li rende inverosimili o surreali. Fa ridere, ma può essere un pugno allo stomaco. Dal punto di vista del diritto, la satira non è cronaca. E non è quindi strettamente vincolata alla verità. Ma dalla verità deve trarre spunto. E’ una forma estrema di critica che, non narrando ma esprimendo un giudizio, può avvalersi perfino di un lessico aspro o di un tratto di penna dissacrante senza trascendere in ingiurie gratuite. Rispetto alla critica, che è solo un’opinione, la satira ha in più valore artistico. Quell’arte che, fin dai tempi antichi, ha avuto il ruolo di ‘castigare ridendo mores’. E che additando alla pubblica opinione aspetti censurabili di una persona, raggiunge con il frizzo e la riflessione un risultato etico. Tentare di imbrigliarla e di definirne i limiti è come tentare di afferrare il vento con le mani. Per sua natura la satira non dovrebbe avere limiti.” (Luisa Pronzato su “Almanacco Guanda” 2009)
La satira ha storia antica e multiforme, eppure in Italia, in tempi recenti, si è ritenuto indispensabile procedere ad una chiarificazione giuridica della sua natura, onde evitare che questa travalicasse i limiti stessi della sua funzione. La prima sezione penale della Corte di Cassazione, partendo dal presupposto che il diritto alla satira è di ordine costituzionale, come ricordano gli articoli 21 e 23 della Costituzione, ha così proceduto a definirla nella sentenza n. 9246 del 2006:
[La satira] È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di castigare ridendo mores, ovvero di indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene.
La definizione licenziata dalla Cassazione evidenzia dei caratteri ben precisi che possono esserci utili per capire quali siano gli elementi fondamentali di una buona satira. In primo luogo, viene sottolineato che la satira può avere un altissimo livello, ma questo non è connaturato alla sua manifestazione, anzi è quasi sempre un valore aggiunto. Ciò nonostante nelle sue varie forme le viene riconosciuto un compito di fondamentale importanza, cioè quello di “indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone” con una precisa finalità “correttiva, cioè verso il bene”. La satira quindi ha un fine positivo che la distingue dal semplice vilipendio.

« Il dramma e il dilemma di una “Commedia” non è l’essere o non essere ma il dire o non dire »

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 domenica, 5 febbraio, 2017|Uncategorized|0 Comments

UOMO NATO DESTINO DATO

“Ommene nate destine date”

lussospartisce lu pane

un bel proverbio popolare, una delle più profonde metafore esistenziali! Dà un’interpretazione netta ma non rassegnata dell’agire umano, a fronte dell’eterno dilemma tra fato e libero arbitrio, che divide tutto lo scibile letterario: dalla filosofia alla sociologia, dalla storiografia alla religione. Sono in molti ad asserire (e in  questi ultimi tempi va sempre più affermandosi) che l’individuo è padrone di se stesso e delle proprie scelte; che ogni singolo o gruppo è in grado di autodeterminare il proprio destino, neanche dato da divinità; che ogni uomo è il prodotto delle proprie azioni, e non delle circostanze, condizioni, contesto, influenze e condizionamenti vari. Bene, qui il discorso si apre alla grande, ognuno si basa sulle proprie esperienze e le compara con quelle degli altri. Si crea, quindi, un parallelismo tra chi crede di poter realizzare ciò che vuole o sente di essere realizzato, e chi invece sente i limiti strutturali che non gli permettono di realizzare i propri fini, oppure semplicemente si affida al caso o alla divina provvidenza. Ciò detto vi lasciamo alla sua riflessione, proponendovi a riguardo “La leggenda di Cassandra” (La profezia che si auto-avvera):

«A un uomo, che viveva a Cassandra/(Alessandria d’Egitto), venne predetto che a breve sarebbe morto in un luogo denominato Cassandra. L’uomo allora sceglie di partire, lascia tutto e si  allontana il più possibile dalla città di Cassandra. Giunto in un’altra città, dopo poco muore per cause accidentali in “Via Cassandra”»

 

 

tosa delle pecore sfurnè lu pene niente tutto na furnete de pene mietitura lusso4 lu setacce lu carrelle li panni a lavare le cule l'asile la ronche la corde donne bevono donna fa tutto cariola letto bambine arcoje la live

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 sabato, 21 gennaio, 2017|Uncategorized|0 Comments

LINGUA E SOCIETA’

“Il contadino che parla il suo dialetto è padrone di tutta la sua realtà”

jean-francois-millet-le-spigolatrici-1857-1859-olio-su-tela

Citiamo Pasolini, per questa breve disamina, perché esprime al meglio quanto in linea con il nostro pensiero.

Pasolini auspicava una cultura nazional-popolare (voluta da Gramsci), in cui il dialetto doveva farsi apportatore di novità linguistiche, attraverso la mediazione di intellettuali impegnati, ma cede il posto all’avvento del neocapitalismo, che distrugge la cultura dialettale. Ciò provoca sofferenza anche fisica nel nostro poeta, perché la perdita del dialetto corrisponde alla perdita della realtà, soppiantata dalla irrealtà del potere consumistico. C’è stato un momento di un ritorno della speranza (anche per quanto concerne una rinascita del dialetto), ma si è trattato dei pochi mesi della recessione economica per la crisi del petrolio nel ’74. Pasolini spera per pochi mesi che il popolo, rivivendo la povertà, possa riassumere i gesti amabili e simpatici del suo passato.

Non è stato così, forse non sarà così (neanche oggi, che stiamo vivendo una nuova forma di povertà), ma la storia è imprevedibile. Oggi Il dialetto non è solo sopravvivenza da museo, il dialetto sta rinascendo, e con esso anche la poesia popolare, insieme all’immensa mole di ciò che è stato scritto nel passato e tramandato, e non è poco per dare comunque senso a una vita, ad una civiltà.

Pasolini vedeva nel dialetto l’ultima sopravvivenza di ciò che ancora è puro e incontaminato. Come tale doveva essere “protetto”. La scelta del dialetto come mezzo espressivo più “autentico”: “La verginità del dialetto, con quanto di equivoco può in essa sussistere, correda subito di una ragione poetica … gli oggetti che semplicemente vengono. Riprendendo un’idea di Coleridge, si potrebbe dire che “la poesia dialettale è un paesaggio notturno colpito a un tratto dalla luce. Per quanto mediocre essa sia … pone sempre di fronte a un fatto compiuto, con tutta la fisicità di una nuvola o di un geranio”. Senza contare l’annotazione sull’importanza dell’intraducibilità della poesia dialettale –“l’intraducibilità è sempre stata la passione dei dialettali” – dove con “intraducibilità” s’intende sia la mancanza di corrispettivo italiano, sia il valore onomatopeico del suono originario.

C’è poi l’aspetto puramente sociale: “La poesia in dialetto è fenomeno della piccola borghesia”, scrive Pasolini, alludendo con ciò al dialetto quale specchio dei tempi, della società, dei suoi bisogni più intimi e d’evasione.

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 sabato, 14 gennaio, 2017|Uncategorized|0 Comments

Quando si placa la tormenta…

NEVE DE JENNÈRE

Quende se pose sopra sta valle

pare tutte n’etra crijènze:

è come l’ambène de lu pène

da na sparacce ammandàte;

da na cuperte arscallàte

sotte na coltra ‘bbiènghe

arcresce la cambegne,

nu monne desulate e calme;

sa ‘rfiate na ‘ddore de ferre,

se schiude nese e cervelle,

mende e corpe sa ‘rlasse…

la nature arvè a la base!

Sotte a che la cumboste

tracce annascuoste… nu scure passate

sta neve de jennère ta ‘rpresende

nu monne che nen bò essere!

 

dsc_5626

 

 

img_20170107_182615_625 img_20170106_201353_632 dsc_5647 dsc_5645 dsc_5638 dsc_5617 dsc_5597

Hisilicon Balong

img_20170106_195656_627

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 domenica, 8 gennaio, 2017|Uncategorized|0 Comments

RUSTICI E DOLCI

“ Nu segrete pe ‘mbarè è vedelle a ‘ffè ”

fb_img_1475816095151

L’idea è quella di recuperare, rifare, diffondere, custodire e tramandare, nel patrimonio culturale, le ricette più tradizionali e caratteristiche del nostro territorio, inerente preparazione e presentazione di dolci e rustici. Ma cosa molto più importante è lasciare in eredità ai giovani, coinvolgendoli, un’arte manuale concreta e tangibile, autentica espressione locale di cultura gastronomica-pasticciera. Quante volte si è detto o pensato: quando non ci sarà più la generazione depositaria (dei saperi e delle abilità) della tradizione culinaria locale perderemo una parte di noi stessi, oltre il piacere di gustarli. Con questo progetto, dunque, avremo la possibilità (forse ultima) di creare una continuità, trasferire alle nuove generazioni questo prezioso tesoro, uno dei più importanti elementi, per rafforzare e consolidare la nostra identità, legata ad un particolare territorio rurale e contadino.

Il fine, ancor più ardito e velleitario, è quello di realizzare una serie di eventi culinari, attraverso cui giungere a istituire un vero e proprio Festival del gusto e dell’arte pasticciera locale legata alla tradizione; con l’intento: 1) di riuscire a dargli risalto mediatico a livello interregionale e nazionale 2) di portare a Pianibbie rinomati esperti nel campo dell’alimentazione, come: cuochi, pasticcieri, media, registi, fotografi, scrittori, ecc…

– La prima fase è quella di invitare tutte le donne, ma anche uomini, di RiPiaNIbbi che hanno o sentono di avere, quello che possiamo definire, un dono (arte, passione, acquisita artigianalità) nel preparare queste uniche e autentiche leccornie.

– A questi “Mastri” (o Maestri) affiancheremo (formando delle squadre) allievi che li assisteranno e aiuteranno, per carpirne: segreti di ricetta e manualità realizzativa.

– Poi, una commissione di “esperti assaggiatori” (sono quelli che non sanno fare niente… ma mangiare sì!) assegneranno il Mestolo d’Oro alla squadra che si sarà distinta maggiormente e che, per un certo periodo, riceverà tributo pubblicitario.

– Infine, le squadre più rappresentative, verranno invitate a partecipare a consessi dell’arte e della cultura del gusto, presenti ai livelli regionali, nazionali e internazionali.

Mentre noi avremmo fatto la storia di questa comunità, recuperando e consolidando una ricchezza “senza tempo”, da custodire tra i più importanti dei nostri tesori.

fb_img_1475816095151received_1663223310618893

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 lunedì, 5 dicembre, 2016|Uncategorized|0 Comments

UNIVERSO INVERSO

Vi presentiamo in visione la seconda raccolta di foto, inviataci sempre dallo stesso appassionato di fotografia, di RiPiaNibbi:

PERSONALE FOTOGRAFICA

“MACRO-PARTI”

di

Pino Capuzzi

dsc_6495-copia

 

 dsc_6601                              dsc_6733

dsc_6602                                      dsc_6740

dsc_6738                                 dsc_6739

 dsc_6744              dsc_6748-copia

                       dsc_6748            dsc_6732

dsc_6749                 dsc_6751

dsc_6754

    dsc_6757-copia

 dsc_6755       dsc_6757

dsc_6760

dsc_6763

dsc_6781          dsc_6782

dsc_6786        dsc_6793

dsc_6795

dsc_6794

dsc_6856                    dsc_6859

dsc_6962

dsc_6975 dsc_6990

* Le foto sono tutte naturali, così come allo scatto, tranne  interventi di ritaglio .
By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 sabato, 12 novembre, 2016|Uncategorized|0 Comments

VISIONE MACRO

Un nostro concittadino di RiPiaNibbi ci ha mandato sul Blog una selezione di foto, accompagnata da presentazione. Riportiamo il tutto così come ricevuto:

La storia e l’evoluzione dell’uomo è contraddistinta dalla curiosità di sapere, dalla ricerca, dalla scoperta.

Questo nel passato ha fatto sì che egli volgesse il suo sguardo verso gli immensi spazi esterni, verso l’universo, oltre la propria delimitata dimensione personale.

Ad un certo punto, però, dopo aver acquisito questi saperi, si rende conto che oltre all’intelligenza, alla razionalità e alla metodologia di indagine scientifica, deve confrontarsi con aspetti e sensazioni che hanno a che fare con il suo essere, in quanto individuo. Scopre allora, che ogni singola persona umana ha spazi e profondità altrettanto immense e mai esplorate; che tutta l’intelligenza e le conoscenze che ha acquisito, per capire le emozioni che prova, poco gli serviranno. l’emozione, infatti, non può essere osservata, interpretata e spiegata, come si fa con qualsiasi altro elemento al di fuori dell’essere umano, l’emozione si può solo sentire. Sa, anche, che non può far niente senza passione, senza emozionarsi nel fare qualsiasi cosa.

Cosa fa allora? Prende il “Telescopio”, con cui prima guardava le immensità altre, e lo rivolge verso di sé, verso l’infinito SE.

Alla luce di ciò io, appassionato di fotografia, ho voluto girare il “Tele” e aprire in “Macro”, per fotografare l’universo uomo: le sue profondità e i particolari, anche più piccoli, dell’ambiente in cui vive, perché anche gli elementi naturali che fanno parte del suo habitat: flora, fauna e oggetti vari, entrano a far parte nell’unicità della sua esperienza emozionale.

Propongo, pertanto, alla vostra visione una raccolta Macro-Fotografica dell’habitat umano. (In un prossimo incontro vi proporrò una raccolta “Macro” di particolari, propri, della persona).

Le foto sono tutte naturali, così come allo scatto, tranne qualche intervento di ritaglio su alcune di esse.

PERSONALE FOTOGRAFICA

“UNIVERSO INVERSO

di

Pino Capuzzi

dsc_0917

GC orchidea alla finestra

dsc_0923

GC rete floreale

dsc_1987

GC adolescenza felina

dsc_2310

GC coperta floreale

dsc_2321

GC pelle dura

dsc_2337

GC fantasia animale

dsc_2343

GC snow cat

dsc_2368

GC floroferroso

dsc_2431

GC anemone terrestre

dsc_2444

GC biancore

dsc_2500

GC narciso

dsc_6513

GC farfiore

dsc_6517

GC scromata

dsc_6553

GC backstage

dsc_6568

GC fornicalegno

dsc_6586

GC fotogenia

By | 2017-08-09T14:06:41+00:00 giovedì, 3 novembre, 2016|Uncategorized|0 Comments

La vite de Sènde Martìne

” Ecchè ‘rrevate, se ‘vvicenete…

pene rinnovato alle donne,

vine e mèle de cocce a li cunzorte “

 

rippl-ronai-jozsef-father-and-uncle-piacsek-drinking-red-wine-1907-550                decamer

Il giorno di San Martino è tempo di baldoria, favorita dal vino vecchio che, proprio in questi giorni, va finito per pulire le botti e lasciarle pronte per la nuova annata.

 “Pe Sende Martine s’imbriaghe grende e piccine”

bacco

Nella nostra tradizione San Martino è il protettore del vino e si narra una leggenda sulla sua vita per spiegare questa attribuzione. La figura del santo non ha niente a che fare con il Santo venerato dalla chiesa, ma è una figura che ricalca in modo impressionante quella di Bacco. Ecco il testo della leggenda in dialetto così come ci è stata tramandata. Nella mitologia classica dal corpo di Bacco ucciso spunta la vite e questo è anche il punto centrale della figura di San Martino nella leggenda. Un’analisi attenta del testo della tradizione ci dice molto sul sincretismo pagano-cristiano ancora largamente diffuso nella nostra tradizione, tenuto conto che la festa di questo santo l’undici novembre è associata a una particolarissima festa detta “Processione dei cornuti” che è un vero e proprio relitto del Baccanale e delle feste della fertilità.

decam3    ubriachi

Dialetto: Abruzzo (*)

La vite de Sènde Martìne

Sènde Martìne êre ùne che-se mbrejachêve sèmbre, nu mbrejacòne.
Na sere, êre tèmbe d’invèrne, avê fàtte nu pôche de nêve, facêve lu frèdde naprise e Sànde Martìne avê state a na candine e s’avê mbrejacate. Che li jûrna quîlle la moje ere prêne grosse. Mèndre hésse arejêv’alla case je vénne nu scrùpel’all’àlme. Diss’a-menda sè: “Mo arevàj’alla case e me vàj’a-culechë aunita’cchelà puwerèlle, accuscì tûtte mberàte de fredde côma stîenghe, mbrejache… né le vûoje fë patì, pe-massére m’addòrme sòtt’alla candìna nòstre.”
E ‘ccusciì-fece. ‘Ndrése sòtt’alla candìne sàjette e s’accuwacciò a-na renzàcche scavate déndre lu mùre proprije’arrêt’a-nu vascèlle grosse. La nòtte, pe lu fredde, se ‘mmorte ‘mberate!
Gné ‘lleneme arrevé ‘nnîenz’a Ddì, Ddì vedènne ca hésse pe nen fë nu mël’alla moje, ca sa’avê mòrte, le fece sènde. Inténde la moj’aspîtt’aspîtte ma de lu marite nen-zapè cchjù-niènde.
Ma da che lu juòrne quelle abbijò a-succèdere nu fàtte meraculòse: che lu wascèlle grosse che-hésse tenêv’alla candìne, cchjù-vine ce caccêve e ‘cchjiù-ce n’aretruwêve!
Che-hé ‘cché ‘nnané, intènde la nutizje sa’llargò. Vénne lu prèvete e la ‘ggènde da lu paese pe ‘vvedé chelu meiràcule. Lu prevete vulènnese accertè, wardese ‘bbône lu wascèlle sòpre ‘ssòtte, anniènze ‘rrête… e che truvò?
Vedette lu còrpe de lu sènde dendre la renzàcche e vedette ca da la vòcche avê spundàte na vite i sta vite avê ‘ndrate dendra lu wascèlle. E cöme dope home wardése dendre lu wascèlle, home viste câ sta vite avê messe l’uwe e l’uwe devendêve vine da sole. Allore home disse: “Sole nu sénde pô fë nu meràcule come queste!” E ve fécere na cchìese. Ecche pecché Sànde Martìne è lu patròne de lu vine.

Traduzione in italiano

La vita di San Martino

San Martino era uno che si ubriacava sempre, un ubriacone.
Una sera, era d’inverno ed era caduta un po’ di neve, faceva molto freddo e San Martino era stato in una cantina e si era ubriacato. In quei giorni la moglie era incinta e stava per partorire. Mentre egli tornava a casa, gli venne uno scrupolo nell’anima. Disse fra sé e sé: “Ora torno a casa e vado a coricarmi accanto a quella poveretta, così intirizzito dal freddo come sono, ubriaco. non voglio farla soffrire, per questa sera dormo giù nella nostra cantina.”
E così fece. Entrò giù nella sua cantina e si accovacciò in una nicchia scavata dentro il muro proprio dietro una grande botte. La notte, a causa del freddo, morì!
Quando la sua anima giunse davanti a Dio, Dio vedendo che lui era morto per non fare del male alla moglie, lo fece santo. Intanto la moglie aspettò invano ma del marito non seppe più notizie.
Ma da quel giorno cominciò ad accadere un fatto miracoloso: da quella grande botte che lei teneva in cantina, più vino cacciava e più ce ne ritrovava!
Cos’è e cosa non è intanto la notizia si propagò. Venne il prete e la gente dal paese per vedere quel miracolo. Il prete volendo accertarsi, osservò bene la botte sotto e sopra, davanti e dietro che trovò?
Vide il corpo del santo dentro la nicchia e vide che dalla sua bocca era spuntata una vite e questa vite era entrata dentro la botte. E come dopo guardarono dentro la botte, videro che questa vite aveva messo l’uva e l’uva diventava vino da sola. Allora dissero: “Solo un santo può fare un miracolo come questo!” E vi costruirono una chiesa. Ecco perché San Martino è il patrono del vino.

(*) La versione in dialetto abruzzese è stato da noi adattata in  dialetto casolano
Racconto, inviato da: Silvio Pascetta

LA NOSTRA RUBRICA

L’11 novembre si festeggia San Martino e, in Abruzzo, questa è una ricorrenza particolarmente sentita.

Tante sono le leggende su San Martino, oltre a quella più conosciuta del Santo di Tours, che donò metà del suo mantello ad un povero infreddolito. Tante sono le feste in questo giorno, ma tutte hanno un comune denominatore: si festeggia con il vino novello, con le castagne e con i prodotti di stagione.

Lo sapevate che San Martino è anche detta “festa dei cornuti” a S. Valentino in Abruzzo Citeriore (PE)? San Martino è, in questo paese, il protettore dei mariti traditi. Ciò risale ad una leggenda che vuole la sorella di San Martino sottrarsi allo sguardo del proprio marito e del fratello religioso e commettere adulterio. Sembra che già prima dell’ ‘800, in questo giorno, si svolgessero feste in cui si faceva sfilare il bestiame con le corna per propiziare la fertilità. Ancora oggi la tradizione si rinnova con una processione in cui tutti indossano delle corna. Ma in questo paesino, si porta in processione anche la “Reliquia”, una sorta di simbolo fallico coperto da un velo, accompagnato per le vie del paese dall’ultimo degli sposati dell’anno precedente. Durante il corteo, poi, la “reliquia” viene scoperta e passata in consegna allo sposo più recente.

E se l’11 novembre passate per Casoli (CH) e sentite il rumore di barattoli e ciottoli legati fra di loro con un filo e trascinati per le vie del paese non preoccupatevi, fermatevi e partecipate alla festa. Fatevi consegnare anche a voi “le ciuocchele” (ciottoli appunto) e seguite il corteo. Alla fine ci sarà una bella festa con musiche popolari, castagne e vino per tutti.

Scanno (AQ), il giorno di San Martino, i giovani danno fuoco alle “Glorie”. Si tingono il volto con il carbone e improvvisano canti e balli, inneggiando alla propria contrada intorno ai “palanconi”, alte cataste di legna e sterpaglie costruite nelle alture a cui viene dato fuoco. Una volta bruciato, il palancone viene offerto alla sposa novella che offre vino e dolci a tutti. I falò sono così luminosi e così alti (anche 20 metri) che si vedono anche a distanza.

E lo sapevate che a San Martino potete mangiare anche la pizza con i quattrini? Succede sempre a Scanno dove, proprio perché San Martino è il santo dell’abbondanza, si mangia questa tipica focaccia a base di farina gialla, miele, noci e fichi secchi e che nasconde una monetina al suo interno.

Salle (PE) si mangia, invece, la “pizza di San Martino”. E’ a base di anice ed è accompagnata dal vino novello. Viene preparata dalle famiglie del posto secondo la ricetta di un tempo, a ricalcare un’usanza tradizionale in cui il primo venerdì del mese le famiglie si riunivano per celebrare il primo vino spillato dalle botti e festeggiavano con un grande banchetto.

Infine, avete mai assaggiato il tacchino alla neretese? E ‘ una specialità di Nereto (TE), fatto arrosto ed insaporito con aglio e rosmarino e servito a tutta la popolazione il giorno di San Martino, insieme al vino e alle castagne.

Insomma, abbiamo imparato che San Martino è il santo dell’abbondanza e della fertilità. Ed ora abbiamo capito anche perché gli abruzzesi dicono “Ce ste lu Sande Martine”, quando in una casa non mancano le provviste.

 

By | 2017-08-09T14:06:42+00:00 venerdì, 28 ottobre, 2016|Uncategorized|0 Comments

L’ABITAZIONE SOCIALE

Anche per questo volevamo portarvi in gita, quest’estate, a San Leucio.

È proprio il caso di ripensare “l’Oggetto abitativo” in quanto parte armonica del nostro vivere sociale.

Gli utopisti di fine ‘700 inizio ‘900 (Robert Owen, Claude-Henri de Saint-Simon, e Charles Fourier) erano forse utopici per la loro idea politica ed economica di modello sociale, non certo, però, per quella di architettura abitativa di una società. Furono anzi, alla luce attuale, profetici nel capire l’importanza del rapporto profondo tra architettura urbana e benessere sociale. Ancor prima dell’inizio della speculazione edilizia, che caratterizza ancora i nostri tempi, sentirono la necessità di sviluppare un modello di “Agglomerato urbano” compatibile con un altrettanto efficace sviluppo di relazioni sociali. Un progetto pianificato delle costruzioni, un piano di costruzione abitativo equilibrato ed armonico, sostenibile con il territorio e le dinamiche relazionali umane, di chi vive ogni giorno questi ambienti.

In Italia sono presenti vari esempi di questi modelli abitativi, cosiddetti Utopici. Ne possiamo trovare alcuni anche in Abruzzo. Il più significativo ed importante (perché più completo), e sicuramente il più conosciuto in tutto il mondo, è quello di San Leucio a Caserta, in Campania. È l’esempio di “Polis” più riuscita, perché l’illuminata dinastia dei Borboni, trovò in Ferdinando IV un appassionato sostenitore, non solo economico, di questo “Modello” (Abitare la societàSocializzare le abitazioni-Urbanizzazione relazionale). Anche per questo volevamo portarvi in gita, quest’estate, a San Leucio.

Le città sono qualcosa di più della somma delle loro infrastrutture. Esse trascendono i mattoni e la malta, il cemento e l’acciaio. Sono i vasi in cui viene riversata la conoscenza umana.
(Rick Yancey)

Charles Fourier (1777-1837) contrappone ad una società basata sulla competizione imperfetta ed immorale degli interessi individuali, il principio dell’unione degli sforzi per raggiungere uno stato di armonia universale; il falansterio è l’unità residenziale tipo delle “falangi” (1620 associati) e la sua descrizione ricorda in modo esplicito il Louvre, una reggia comunitaria.

con Howard il processo utopia sociale-modello urbanistico si rovescia; il modello urbanistico, concepito non sotto forma progettuale, ma come insieme di princìpi, di norme e di procedure, precede e facilita la riforma sociale.

Robert Owen è un industriale (è proprietario delle Filande Lamark in Scozia) che s’impegna nel tentativo di realizzare un modello di società produttiva capace di migliorare le condizioni di vita dei lavoratori: riducendo il loro orario di lavoro, aumentando il salario, migliorando le condizioni di lavoro, fornendo servizi educativi ed alloggi salubri. Owen è convinto che l’ambiente influisca sui comportamenti umani: la sua tutela viene prima degli interessi economici, individuali e collettivi. Il piano generale di Owen: “la città come moltiplicazione di unità funzionali autonome”, in un discorso al Parlamento inglese, nel 1817, illustra la propria ipotesi di riforma complessiva della produzione e della città industriale. Tutto parte dalla valutazione della distribuzione degli abitanti sul territorio, poiché i “benefici non possono essere procurati agli individui e alle famiglie separate, né a masse troppo numerose”. Owen propone insediamenti iterabili con 800-1200 abitanti ed estensione di 600-800 acri di terreno. Così si consolida l’idea (di origine ellenistica) – poi ripresa dalla città/giardino di Howard – che, superata una certa dimensione l’insediamento vada duplicato, non ampliato senza limite. Si strutturano così unità a dimensione conforme, autosufficienti per produzione e servizi ed in equilibrio con la campagna.

borghi

By | 2017-08-09T14:06:42+00:00 martedì, 18 ottobre, 2016|Uncategorized|0 Comments